MEDIA LITERACY

Media literacy significa saper leggere e scrivere i media, ossia INTERPRETAZIONE e  PRODUZIONE.

Dal 1998 Mandragola Editrice, in partnership con alcuni Enti locali, ha costruito di un vero e proprio canale di comunicazione giovanile multimediale realizzato dagli studenti delle scuole superiori italiane con il coordinamento dei nostri giornalisti tutor: un giornale (il mensile Zai.net) in versione cartacea e multimediale; la radio (Radio Jeans con i suoi 84 laboratori radiofonici); una applicazione per la lettura critica dei giornali; Applicazioni multimediali per la produzione di contenuti in mobilità e una Piattaforma partecipativa interamente dedicata alla Media Literacy con corsi di e-learning.

Saper LEGGERE e SCRIVERE i media = diventare cittadini più consapevoli

Corsi e-learning e webinar

Attraverso la nostra piattaforma specifica per la Media Literacy, gli studenti partecipano a corsi e-learning di giornalismo scritto, radiofonico e di scrittura per il web. I giornalisti tutor di Mandragola gestiscono anche webinar con correzione simultanea degli elaborati e supporto on-line su prenotazione delle scuole.

Scrivere il giornale

Zai.net è il laboratorio giornalistico che permette agli studenti delle scuole superiori di conoscere i meccanismi del giornale...facendoglielo fare! Tutti possono scrivere o inviare fotografie, video o interviste che confluiranno nell'edizione cartacea o in quella multimediale dopo l'accurato lavoro di coordinamento e di editing dei nostri giornalisti-tutor.
 

Le APP

Grazie a uno staff tecnico-progettuale, grafico e di redazione, realizziamo App e Mobile solutions per i nostri progetti e i nostri media. Su commissione, sviluppiamo App e sistemi di comunicazioni integrati per clienti istituzionali e aziende: una comunicazione innovativa che guarda al futuro.

le nostre APP

Radio Jeans

L'App che permette di ascoltare Radio Jeans con tutte le produzioni dei giovani radio-reporter

Zai.net medialab

E' la versione multimediale del mensile cartaceo. Gli stessi contenuti originali di Zai.net arricchiti da: fotogallery, interviste audio, video, musica. Ai primi posti fra le App più richieste del settore.

Genova Young city

Sviluppata nell'ambito del progetto youngcities per conto della Città di Genova è la prima App che consente di navigare tutta l'offerta rivolta ai giovani in ambito, culturale, sportivo e dei servizi.

ANDISU

Realizzata per gli Enti per il diritto allo studio permette di consultare tutta l'offerta relativa alle residenze studentesche, mense, ecc.

ABCD Orienta MENTI

Realizzata per Fiera di Genova in occasione del Salone Abcd Orientamenti 2013 e 2014, guida alla scoperta del Salone e permette di personalizzare la propria visita

Bla Bla school

Sviluppata per il progetto Consumatori 2.0 (Ministero dello Sviluppo Economico e Associazioni dei Consumatori) permette agli studenti di segnalare buone pratiche o criticità della scuola.

Sarzana Young City

Sviluppata nell'ambito del progetto youngcities per conto del Comune di Sarzana consente di navigare tutta l'offerta rivolta ai giovani in ambito, culturale, sportivo e dei servizi con attenzione alle Associazioni

Life Choices

Realizzata per "Spettacoli di matematica" nell'ambito di un progetto di Regione Lazio, permette agli utenti, rispondendo a tre domande, di visualizzare un profilo professionale sotto forma di videointervista

Piattaforme e Siti

le ultime realizzazioni

Concorsi

Premio Matrioska

E' il concorso che ogni anno vede in competizione le diverse redazioni di Radio Jeans presenti sul territorio ligure formate da studenti delle scuole superiori e i team dei Centri Giovani dotati di Radio Kit che si sono impegnati con la produzione e…
Leggi

Vivere di periferia

Vivere di periferia / Vivre de banlieue è un concorso di scrittura, creazione fotografica e audiovisiva per ragazzi da 12 a 20 anni organizzato da Zai.net, Ambasciata di Francia, Fondazione Sotto i Venti al quale hanno partecipato oltre 600 studenti…
Leggi

partner

I nostri attuali partner

Sino ad oggi ci hanno sostenuto

 

Ministero Pubblica Istruzione, Ministero Trasporti e Infrastrutture, Ministero delle Attività Produttive, Fondo Sociale Europeo, Regione Lazio, Regione Lombardia, Regione Piemonte, Regione Liguria, Provincia di Napoli, Provincia di Genova, Provincia di Livorno, Provincia di Savona, Provincia di Torino, Comune di Roma, Comune di Genova, Comune di Napoli, Fondazione Carige, Fondazione Carisa, Fondazione IG Students, Telecom, RAI - Televideo Regionale, Unicef Italia, La Stampa, Kataweb - scuola, Miur Piemonte, Eurowebschool.com, Emergency, Fondazione Carisa, Unicredit Banca, Unesco, Anpi, Assessorato alle Politiche della Scuola della Provincia di Roma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Il Riformista, Coni, Ambasciata di Francia. 

Chi siamo

La Cooperativa di giornalisti Mandragola Editrice è nata da un’idea innovativa: giornalisti con tanti anni di lavoro alle spalle, giovani redattori, grafici, creativi, informatici, tutti insieme per realizzare servizi di informazione, pubblicazioni peer to peer, campagne di comunicazione per le pubbliche amministrazioni.
Un progetto articolato in tutti i campi dell’editoria tradizionale ma, proprio perché pensato “al futuro”, all’avanguardia nelle tecnologie. Non solo riviste, pubblicazioni e servizi radiofonici quindi, ma sviluppo di contenuti sui nuovi supporti offline e online, con l’obiettivo di dare piena soddisfazione alla costante evoluzione dei consumi culturali.
Non meno importante è il nostro impegno per assicurare la qualità di tutte le nostre produzioni, proprio perché rivolte in gran parte ai giovani, nella convinzione che la maggiore diffusione della cultura possa contribuire in modo determinante alla crescita e allo sviluppo del nostro paese.

In cosa crediamo:

Il Manifesto di Zai.net e i nostri valori
 
1) LETTORI PIÙ CONSAPEVOLI, CITTADINI MIGLIORI
Crediamo che i ragazzi debbano maturare la consapevolezza che una corretta fruizione dell'informazione è alla base di ogni moderna democrazia. Proprio per questo i redattori di Zai.net
non sono futuri giornalisti, ma lettori evoluti in grado di comprendere i meccanismi dei media.
 
2) SVILUPPO DEL PENSIERO CRITICO
Crediamo che suscitare domande, fornire ai ragazzi competenza critica, offrire lorol'’alfabetizzazione mediale per essere cittadini del XXI secolo, contribuisca a formare il cittadino
cosciente, attivo, critico, sociale, creativo.
 
3) CITTADINANZA ATTIVA
Crediamo che i nostri ragazzi, attraverso un attento lavoro critico, possano osservare la società che li circonda, porsi domande e leggere con altri occhi i meccanismi che regolano la vita sociale e politica del nostro Paese.
 
4) IMPARARE FACENDO
Crediamo nel principio del “learning by doing” che ha trovato il suo riferimento teorico nelle scienze dell'educazione e in quelle della comunicazione.
 
5) DIDATTICA ORIZZONTALE
Crediamo che i giovani, attraverso il metodo del peer to peer, possano condividere con i loro coetanei ciò che hanno appreso nella nostra redazione. L'esperienza trasmessa può responsabilizzare il ragazzo che spiega e stimolare lo studente che impara.
 
6)  NETWORKING E DEMOCRAZIA DIFFUSA
Crediamo nella forza del gruppo: i membri della nostra community sono contemporaneamente fruitori e produttori di contenuti; si confrontano e dialogano tra loro attraverso lo scambio
partecipativo di informazioni dagli oltre 1.700 istituti superiori collegati in tutta Italia.
 
7) CULTURA DI GENERE
Crediamo nel rispetto dei principi di tolleranza e democrazia e per questo promuoviamo in ogni ambito del nostro lavoro la diffusione di una cultura di genere.
 
8) SOSTEGNO ALLE SCUOLE
Crediamo di dover sostenere le esigenze della scuola nel modo più diretto ed efficace possibile, coinvolgendo le Istituzioni, le Fondazioni e le aziende private più attente al futuro delle nuove
generazioni.
 
9) DALLA PARTE DELLA BUONA POLITICA
Crediamo in tutte quelle istituzioni che pongono i giovani al centro delle loro politiche.
 
10)  FUORI DALLE LOGICHE DI MERCATO
Crediamo sia giusto investire le nostre risorse umane ed economiche in progetti educativi in favore delle giovani generazioni affinché possano acquisire consapevolezza del proprio ruolo civile e sociale